Sulle acque sui rovi.
Storia di San Francesco di Paola

di Vincenza Costantino

una lettura teatrale con
Manolo Muoio e Ernesto Orrico
musiche eseguite dal vivo da Paolo Napoli
audio e luci Antonio Giocondo
organizzazione Alessandra Fucilla


Sulle acque sui rovi. Storia di San Francesco di Paola è un testo pensato per il teatro, per essere recitato, letto a voce alta, tra le gente. È una narrazione degli episodi più significativi della vita del Paolano inframmezzata da interventi musicali e da quelli di un coro di voci popolari, voci che mischiano realtà e leggenda, fede e superstizione, concretezza e immaginazione. Una proposta artistica utile alla diffusione della conoscenza di una figura fondamentale per la cultura calabrese, italiana e internazionale. Francesco è stato un uomo libero, di eccezionale ingegno e attenzione per il prossimo, un uomo che amava raggiungere con le sue azioni e la sua parola quanta più gente fosse possibile, e per fare questo non aveva timore a mettersi in cammino, a piedi, senza nulla possedere. Di sé e del suo Ordine amava dire “siamo pellegrini e forestieri”, e camminava, camminava e attraversava paesi e città.

Ernesto Orrico
È uno dei protagonisti di Va pensiero ideato e diretto da Marco Martinelli e Ermanna Montanari per il Teatro delle Albe. Attore negli spettacoli di Scena Verticale Le tre male bestie e U tingiutu. Un Aiace di Calabria. Ha lavorato con Centro RAT, Carro di Tespi, Spazio Teatro, Zahir, Compagnia Ragli, Teatro della Ginestra, Teatro Rossosimona. Ha scritto A Calabria è morta (Round Robin, 2008), Appunti per spettacoli che non si faranno (Coessenza, 2012), The Cult of Fluxus (Edizioni Erranti, 2014) e Talknoise. Poesie imperfette e lacerti di canzone (Edizioni Underground?, 2018).

Manolo Muoio
Dal 1992 esplora le arti performative con numerosi maestri come Judith Malina, Tetsuro Fukuhara, Nikolaj Karpov, Abani Biswas, Eimuntas Nekrosius, Augusto Omolù, Julia Varley, Marylin Fried, Giorgio Rossi, Michele Di Stefano, Maya Lipsker, Vidal Bini. È stato interprete di spettacoli come Sida e l'uomo dal fiore (Premio ETI-Vetrine '96), Piedi Gonfi, È il momento dell'amore (Premio Scenario 2001), di Lindo Nudo; L’Esausto o il profondo azzurro (2008), di Julia Varley; Cerimonia (2011), di Lorenzo Gleijeses; Peer ‘u Stortu di Francesco Suriano (2013).È stato aiuto regia dell’attrice e regista inglese Julia Varley (2005/2006) e del regista e drammaturgo argentino Rafael Spregelburd (2013). Dal 2009 al 2011 ha partecipato alla direzione artistica e organizzativa di Revolution MAD, rassegna di danza e teatro contemporaneo presso il Teatro Quirino di Roma. Del 2016 i due lavori (di cui è autore, regista e unico interprete), Malerba. Appunti per una coltura psichedelica e Rock Oedipus. Attualmente è impegnato come performer nella tournée di Anelante,dei Leoni d’Oro alla carriera 2018, Antonio Rezza e Flavia Mastrella, e come aiuto regia di Eugenio Barba e Julia Varley (Odin Teatret), nel progetto 58° Parallelo Nord.

Paolo Napoli
Musicista calabrese di Alessandria del Carretto, esperto di etnomusicologia, nel 2017 ha pubblicato il saggio “I ritmi della lentezza” all’interno del volume “La musica folk. Storie, protagonisti e documenti del revival in Italia” - a cura di Goffredo Plastino. È uno dei membri dei Totarella con in quali ha inciso 5 album, il più recente è “In utro” del 2014. Ha all'attivo numerose collaborazioni con gruppi musicali e teatrali. Dal 2011 conduce seminari sulla cultura musicale dell’appennino calabro-lucano e stage di musica presso il “Tafanari - La paix demenage” a Colombières sur Orb in Francia. Suona diversi strumenti tra cui organetto diatonico, zampogna a chiave, chitarra battente, vrogna, tamburo a cornice, lira calabrese, surdulina, grancasce, tenawa, friscalettu, zampognelle, flauti popolari.


DATE

Prossime date

22 agosto 2019
ore 21.00
Radicamenti - Mendicino (Cs)

28 maggio 2019
ore 20.30
“Maggio dei libri” - Comune di Mormanno (Cs)





Galleria fotografica

 

Guarda la galleria fotografica